Il sito www.pictetfunds.it si rinnova. Era il 2 settembre 2008 quando venne lanciata la prima versione. Nel frattempo, il mondo è cambiato radicalmente. L'accelerazione tecnologica ha imposto cicli dell’innovazione sempre più brevi. La  robotica e l’intelligenza artificiale stanno trasformando e trasformeranno molti settori (finanza compresa) e avranno un impatto anche a livello sociale.

Nuova grafica, nuove funzioni

Nel 2008, l'iPhone aveva poco più di un anno e il mercato degli smartphone muoveva i primi passi. Oggi molti servizi sono sempre più mobile e Facebook è la comunità più popolosa al mondo. Le grandi trasformazioni, come sempre, portano con sé insidie e grandi opportunità. Ecco perché, oggi come nove anni fa, resta la necessità di fornire letture alternative, analisi, suggerimenti e formazione sull'universo finanziario. In uno spazio digitale tutto nuovo.
 
Il sito ha una veste grafica rinnovata, più moderna e interattiva. Ma non si ferma al restyling: Pictetfunds.it propone agli utenti una nuova esperienza. Ha una modalità di navigazione “orizzontale”, costruita per reperire le informazioni in modo semplice e intuitivo. Ogni analisi potrà essere approfondita grazie agli articoli correlati e ai topic delle asset class rilevanti per ogni singolo investimento.
 
Un sito che ascolta gli utenti

Il nuovo sito asseconda le esigenze e le abitudini degli utenti. Sempre più persone, infatti, raccolgono informazioni, dettagli e giudizi su prodotti e servizi dai social network. Per questo motivo, www.am.pictet consentirà di condividere facilmente ogni articolo sui propri profili Facebook, LinkedIn, Twitter e Youtube. Le innovazioni affiancheranno le funzionalità classiche, a partire dall'Area Riservata dedicata a promotori e clienti: gli utenti registrati riceveranno una email con le istruzioni per impostare una nuova password di accesso.
 
È solo un primo passo: il nuovo spazio digitale di Pictet crescerà col tempo in funzionalità e personalizzazioni, continuando ad ascoltare le segnalazioni e le richieste degli utenti, per offrire loro strumenti utili a comprendere il panorama finanziario con una user experience sempre migliore.

Leggi anche:

Guida ai micro-investimenti per millennials
La politica italiana alla prova con la digital transfomation
 
​​​