Parliamo dei Robo-Advisor. Chi sono?
 
I robot consulenti sono un tipo di “consulente finanziario” che fornisce la gestione del portafoglio online con il minimo intervento umano. Potremmo anche definirli "consulenti automatizzati per gli investimenti”, "consulenti per gli investimenti on-line”, “consulenti digitali per gli investimenti". I portafogli consigliati possono variare, sia perché i robo-advisor impiegano algoritmi diversi a parità di caratteristiche dell’investitore, sia perché usano modelli matematici differenti (quindi non solo la teoria del portafoglio di Markowitz).


Il termine "consulente finanziario" si applica a qualsiasi entità che dia consigli su come investire. La maggior parte dei robo-advisor si limita oggi a fornire l’asset allocation (cioè la ripartizione del capitale in classi di attività finanziarie), senza affrontare questioni come l’immobiliare, la pianificazione finanziaria, la pianificazione previdenziale, l’ottimizzazione fiscale, ecc. Quindi pur essendo in rapida evoluzione, oggi non sono sufficienti per tutte le esigenze.
 
Di robo-advisor ce ne sono già molti, soprattutto negli USA. Posto che i robo-advisor attraggano la nostra attenzione, le domande che sorgono spontanee sono: quale uso? Come faccio a capire qual è il migliore? Migliore per cosa?
 
I loro modelli di business, servizi e costi sono diversi e difficilmente confrontabili.
Ci sono troppi fattori e scenari da prendere in considerazione per rendere utile questo esercizio. Ognuna di queste piattaforme adotta un approccio diverso per l'investitore. Lo stesso utente che dovesse richiedere un’asset allocation ad ognuno dei robo-advisor più famosi attraverso i relativi siti web otterrebbe altrettanti risultati diversi.
 
Di una cosa siamo certi: la maggior parte delle raccomandazioni di investimento sono basate in ogni caso su input di dati storici. In altre parole, sia l’algoritmo che fornisce la consulenza online che i consulenti finanziari “umani” guardano prevalentemente al passato per fare delle ipotesi sul futuro.
 
Nessun sistema di consulenza finanziaria è perfetto e non vi è alcuna garanzia che le performance passate siano un fattore predittivo accurato e significativo per il futuro. Molti degli strumenti di investimento lanciati di recente hanno goduto di un mercato toro iniziato nel 2009 e durato fino al 2015. Sarà interessante analizzare cosa succederà con lo storno dei mercati. L'approccio automatizzato funzionerà? Che consigli darà? Saranno seguiti i consigli dai clienti?

Quali potrebbero essere i vantaggi dei robo-advisor per i clienti?
Ecco un breve elenco: minori costi, disponibilità del servizio a qualunque ora, maggiore trasparenza, possibilità di usufruire di servizi evoluti anche per chi ha piccoli portafogli.
 
Robo-Advisor e un tocco umano: meglio insieme?
 
I robo-advisor dovrebbero quindi consentire di ridurre i costi rispetto ai consulenti finanziari tradizionali. Inoltre gli investitori con portafogli più piccoli potrebbero usufruire di servizi evoluti, diversamente non disponibili. Molti di questi investitori potrebbero anche essere più giovani e più abituati ad acquistare tutti i tipi di beni e servizi online.
 
L'ascesa dei robo-advisor presagisce la scomparsa dei tradizionali consulenti finanziari umani? Qui ci sono alcune riflessioni su come questi due modelli possono beneficiare l’uno dell’altro e, soprattutto, come il pubblico degli investitori potrebbe in ultima analisi, essere meglio servito.
 
Una delle cose positive dei robo-advisor è la facilità di accesso alla consulenza finanziaria e la disponibilità del servizio 24 ore su 24.
Inoltre, i modelli e le metodologie utilizzate dai robo-advisor per fornire consulenza finanziaria sono spesso basati sugli stessi modelli e le stesse metodologie utilizzate dai consulenti finanziari tradizionali nel fornire consulenza face-to-face.
 
I clienti, pur usando i robo-advisor, rimarrano pur sempre “umani” e, come spesso accade, non sempre agiranno nel loro interesse o opereranno in modo completamente logico e razionale. I clienti dovrebbero in autonomia saper gestire le proprie emozioni, come la paura e l'avidità. Queste emozioni possono causare la voglia di derogare ai propri piani finanziari con la conseguenza di indurli a vendere nei peggiori momenti di mercato. Riusciranno a resistere?
 
I clienti di molti consulenti finanziari tradizionali sono normalmente aiutati a superare i periodi di difficoltà dei mercati attraverso una corretta relazione umana. Questi clienti si troveranno in una posizione molto migliore una volta che i mercati saranno tornati a crescere. Mentre gli investitori che hanno venduto avranno capitalizzato delle perdite.
 
Il meglio dei due mondi: combinare il tocco umano dei consulenti finanziari tradizionali con la logica, la trasparenza tariffaria, la metodologia e l'accessibilità offerta dai robo-advisor potrebbe essere una soluzione molto utile per gli investitori. I clienti possono accedere ai loro portafogli e avere molti consigli online, ma possono anche ricevere consigli personalizzati dai consulenti finanziari tradizionali nei momenti in cui ne hanno bisogno. Questo può fare la differenza quando si verificano correzioni di mercato.
 
Robo-advisor e vantaggi per i Financial Advisor
 
Non solo i clienti potrebbero ottenere significativi vantaggi dall'abbinamento robo-advisor e financial-advisor, ma anche gli stessi financial-advisor. In particolare i financial-advisor più attenti alla pianificazione e alla relazione che alla “gestione” e alla costruzione dell'asset allocation.
 
Per tutti i clienti non a proprio agio con la digitalizzazione del sistema (e sono molti) potrebbero essere proprio i financial-advisor ad utilizzare i robo-advisor a supporto della loro attività. L'utilizzo di un selettore razionale per ottenere delle asset allocation costruite in modo indipendente a supporto delle decisioni di investimento potrebbe rivelarsi un'arma vincente come complemento di altri servizi che essi forniscono.
 
Un ulteriore elemento a favore è il risparmio di tempo (e di denaro) che i consulenti finanziari potrebbero avere da questo sistema automatizzato. Tempo che potrà essere più proficuamente utilizzato per attività ad oggi non automatizzabili, come buona parte della pianificazione e del miglioramento delle relazioni commerciali (incontri con i clienti e sostegno emotivo).
Il risparmio di costi fornito dai servizi automatizzati può in ultima analisi aiutare i consulenti ad ottimizzare in modo efficace le loro pratiche e aumentare la loro redditività.
 
Quindi se da una parte i robo-advisor rappresentano una minaccia per i canali tradizionali, dall’altra potrebbero rappresentare una grande opportunità.

Massimo Baroni
Consulente finanziario professionista
Sito web
Linkedin