Secondo un recente studio svolto dall’Università Bocconi in collaborazione con Blogmeter, dal titolo “Quanto è social il risparmio gestito”, solo nel 1° trimestre del 2015 sono stati prodotti circa 17.000 messaggi su tematiche connesse a questa specifica industria, divulgati da circa 6.800 autori diversi. La metà di questi contenuti sono post e commenti sui social network e, in particolare, su Twitter e Facebook, che si rivelano dunque canali preferenziali per il rilancio di contenuti pubblicati su siti e blog ufficiali.
In un settore ormai decisamente social, di cui il popolo della rete discute attivamente, Pictet Asset Management Italia diviene una nuova autorevole fonte d’informazione e confronto sul tema.

Pictet Italia si apre ai social media con nuovi profili istituzionali

Dopo il varo del progetto Pictet per Te, Pictet Italia si apre al mondo social con un strategia multicanale, volta a fornire un reale valore aggiunto agli utenti, selezionando per loro le notizie di maggior interesse e i consigli più utili per alimentare il proprio benessere finanziario. In sintesi, promuovere e condividere conoscenza, partendo dal presupposto che - come afferma l’economista Warrenn Buffett - “il rischio nasce dal non sapere cosa stai facendo”.

La nuova presenza digitale di Pictet Italia

Investitori privati e promotori finanziari potranno quindi interagire con il mondo Pictet su diversi fronti, per trovare i contenuti più inclini alle proprie esigenze: la presenza social di Pictet Asset Management Italia parte in una prima fase su Facebook, Twitter LinkedIn e si estenderà a breve anche a Google+Youtube e Slideshare, per fornire un servizio il più possibile mirato e costruire una relazione di fiducia a lungo termine. 
I pilastri che guideranno il percorso di Pictet Italia nel mondo social saranno come sempre basati sui quattro valori fondamentali del Gruppo: indipendenza, eccellenza, integrità e rispetto, per garantire la coesione tra le diverse linee di business, ma soprattutto non perdere mai il focus sugli interessi reali dell’utente finale.