Integrare in un solo sistema la capacità delle macchine dell’Internet of Things di raccogliere dati dai singoli device connessi al web con il meccanismo della Blockchain, che permette di scambiare in tempo reale informazioni e operare trasferimenti di denaro in un ambiente criptato, a prova di alterazione e di truffe. Sembra un’utopia, ma in realtà è un’evoluzione che aprirebbe scenari difficilmente immaginabili per avere un metodo di raccolta e analisi dati verificabile e sicuro, processato da macchine intelligenti e interrelate nel mondo dell’Internet delle Cose. Con interessanti riflessi sul business di milioni di aziende.
 

Un sistema di scambio informazioni comune in tutto il mondo

Già oggi esiste una quantità di dati difficilmente gestibile, per questo le compagnie stanno sviluppando sistemi di storage e analisi sempre più efficaci, ma manca un sistema comune. Avere un unico percorso nel quale i dati di tutto il mondo entrano, vengono lavorati, scambiati ed escono, renderebbe semplicissimo custodire le informazioni, tracciare tutti i dati e i beni fisici grazie al passaggio tra due blocchi della catena. Inoltre, la natura della Blockchain rende facile individuare eventuali errori del sistema o perdite di dati e porre rimedio.

 
Affidabilità dei dati

La codificazione della Blockchain rende i dati affidabili per tutte le parti coinvolte: le macchine registrano in modo sicuro senza possibilità di manomissione umana i dettagli delle transazioni. Gli utenti non hanno accesso infatti alle chiavi che danno il potere di scrittura sui blocchi della Blockchain e non possono sovrascrivere o modificare nessun passaggio di informazioni.
 

La garanzia degli smart contract

Anche i passaggi di pagamento possono essere automatizzati grazie agli smart contract forniti da alcune piattaforme come Ethereum. Quando le condizioni di vendita di un prodotto o un servizio indicate all’inizio della transazione vengono onorate, le macchine eseguono automaticamente lo scambio di dati e denaro.
 

Il sistema di sicurezza

La sicurezza nella gestione dei dati è un altro grande vantaggio offerto dalla Blockchain: la maggior parte dei dati generati dai sistemi IoT sono molto personali, basti pensare ai dispositivi delle smart home o delle automobili che possono offrire dettagli sulla vita privata di tutti noi ad hacker e truffatori. Per i criminali sarebbe molto complicato e dispendioso tentare di bypassare il sistema di sicurezza dei codici di criptaggio della Blockchain.
 

Il sistema decentralizzato che serve per gestire i dati

Il paradigma dell’IoT è basato su milioni di device connessi a un sistema centralizzato di cloud storage che processa le informazioni, ma più aumentano i dati da gestire e più il cervello artificiale centrale fatica e diventa costoso. Con la Blockchain invece il sistema si distribuisce su migliaia se non milioni di computer e dispositivi, che fanno da snodi dell’intero network mondiale e permettono di duplicare l’archiviazione di dati in un universo il più possibile diffuso ed esteso, evitando così di dare troppa rilevanza al processore centrale. 


Leggi anche: 

Fintech: sarà il 2018 l’anno del boom dell'innovazione finanziaria?
Così la Internet of Things aiuta l'economia circolare
Bitcoin, Blockchain e il rischio di una bolla simile a quella delle dot.com