Come molti sanno, l’atmosfera terrestre accumula sempre più gas fluorurati ad effetto serra, con gravi ripercussioni sulla nostra vita, e le acque degli oceani stanno diventando più acide e calde, danneggiando l’ecosistema marino. L’uomo è responsabile di almeno otto milioni di tonnellate di plastica che ogni anno finisce negli oceani e solo noi possiamo fermare questi diffusi maltrattamenti nei confronti di ogni essere vivente. Governi e istituzioni private sanno ciò che devono fare, tutto dipende dalla volontà, ma anche il settore delle vendite retail può dare un grosso contributo: è uno dei principali utilizzatori di gas fluorurati per gli impianti refrigeranti nei quali vengono conservati cibi e altri prodotti e, con l’utilizzo delle adeguate tecnologie, può abbassare di molto il proprio impatto sull’ambiente.
 
Quando accendere o spegnere il refrigeratore? Ce lo dice lui!

Grazie alle tecnologie IoT, l’internet delle cose, molti frigoriferi segnalano tramite un’app quando è finito il latte, oppure propongono piatti con gli ingredienti disponibili in quel momento in casa. In questo modo si possono razionalizzare gli acquisti e limitare gli sprechi. Ora però c’è una nuova tecnologia molto più utile per ridurre l’impatto sui cambiamenti climatici: milioni di centri di immagazzinamento cibo, trasporti refrigeranti e semplici frigoriferi da banco possono segnalare quando devono essere accesi per mantenere il cibo fresco e quando invece possono essere spenti.
 
Il giusto cibo alla giusta temperatura

I sensori IoT installati negli impianti refrigeranti possono tracciare la temperatura delle diverse unità di cibo e abbassare il livello di energia in base alla quantità di freddo necessario per mantenere il cibo che contengono: gli yogurt hanno bisogno di una diversa temperatura rispetto alle uova o alla pizza, questo è il ragionamento dei ricercatori. Il grande vantaggio di questa semplice idea è evitare l’emissione di moltissimi gas dovuti a inutili sforzi per refrigerare ciò che non ne ha bisogno.
 
Se anche il business si impegna per migliorare l’ambiente

Perfezionare tutta la filiera alimentare, dal trasporto alla vendita, utilizzando sistemi di data analytics e sensori IoT è un processo facile con le tecnologie di oggi. Un processo che prevede un investimento iniziale non da poco, ma che migliora tutta la catena di valore fino all’acquirente, a partire dalla sua customer experience, e che finisce con il diffondere un atteggiamento positivo verso l’ambiente. Ci sono moltissime opzioni come questa, che partono dalla tecnologia e che arrivano fino a una riorganizzazione dell’industria retail. Bastano inventiva e volontà.

Leggi anche:

Riciclare non basta: la chiave della sostenibilità è nei consumi
Ambiente e clima, anche la finanza pensa al futuro del pianeta
 
​​​