La gestione del risparmio, o asset management, è l’attività che esercita un intermediario finanziario – SIM, SGR o una banca – che riceve un mandato fiduciario da parte del risparmiatore per amministrare una quota di accantonamenti personali.
 
Il ruolo dell’intermediario
 
Il risparmio gestito indica quindi la parte del risparmio non gestita in proprio dai risparmiatori, tramite acquisti e vendite dirette sui mercati, ma affidata e gestita da intermediari finanziari.
L’intermediario incaricato effettua tutte le operazioni di acquisto e vendita di attività finanziarie o reali necessarie a costruire un portafoglio di investimento diversificato, con un rapporto rischio/rendimento che risponde a quanto concordato con il cliente. 
 
Modalità di gestione del risparmio in Italia
  1. Gestione in monte: è la gestione su base collettiva svolta da una società di gestione del risparmio (SGR) attraverso fondi comuni d’investimento e fondi pensione, e dalle società di investimento a capitale variabile (SICAV).
  2. Gestione su base individuale: può essere svolta invece dalle banche, società di intermediazione mobiliare (SIM) e dalle SGR.
  3. Gestione di tipo assicurativo: prevede l’intervento delle compagnie assicurative attraverso le polizze assicurative.

Approcci alla gestione del risparmio
 
Gli approcci possono essere di due tipi: attivo e passivo. Nel primo caso, i gestori istituzionali agiscono acquistando e vendendo prodotti con l’obiettivo di ottenere un rendimento superiore a quello medio del mercato di riferimento. Nel secondo caso, invece, i gestori replicano passivamente un indice rappresentativo di un mercato. L’una o l’altra scelta hanno implicazioni diverse sia per quanto riguarda i costi di gestione – la gestione attiva è più costosa – sia per quanto riguarda le performance.
 
Prodotti di risparmio gestito
 
Tra i principali, rientrano i fondi comuni di investimento, cioè patrimoni collettivi costituiti con capitali raccolti da una pluralità di risparmiatori; le gestioni patrimoniali, quando un gestore si occupa del patrimonio di un singolo cliente; e gli ETF, Exchange Traded Funds, che sono fondi comuni a gestione passiva negoziati in borsa come azioni.